Archivi tag: scrittura

Appuntando…

Ci sono, ci sono!
Queste ultime settimane sono trascorse a riposo.
Ho letto e scritto, davvero tanto.
Ma tutto su blocchi e quaderni: perché nonostante io sia un’amante della tecnologia…ci sono momenti in cui la scrittura manuale è terapeutica.
Ora sto molto meglio, mi auguro di ticchettare il più possibile.

Abbiate fede e pazienza: vi aspettano posts davvero interessanti…

Annunci

Quindici scrittori…

Una lista piccinapicciò.
Dove scrivere di getto i quindici scrittori (prosa o poesia) che più ti hanno influenzato e che ti saranno sempre cari.

Ecco la mia lista:

1) William Vollmann
2) Roberto Bolaño
3) Dave Eggers
4) Cervantes
5) William Thackeray
6) Rudyard Kipling
7) Don Winslow
8 ) Tiziano Terzani
9) Oriana Fallaci
10) Haruki Murakami
11) Bill Bryson
12) Hanif Kureishi
13) Amin Maalouf
14) Gabriele D’Annunzio
15) Salvatore Niffoi

Affogò. Perché si vergognava a gridare aiuto…

Bella frase.
Se i neuroni non mi fan cilecca era di Marchesi.
Ricordo di averla letta tanti anni fa.
Ne avrò avuti sedici o diciassette.
Letta sui muri della stazione di Casale Monferrato.
Andavo li tre pomeriggi a settimana per far giocare e portare a spasso gli ospiti dell’ANFFAS.
Come mai mi è tornata in mente?
L’ho trovata come appunto su un vecchio segnalibro.
Ero nella mia fase shabby-chic: li ritagliavo…hai presente quel cartoncino bianco ghiaccio che tiene in forma la camicia nuova nella scatola?
Li usavo soprattutto per appuntarci le prime cose che mi ronzavano in mente.
Ho ritrovato questo ieri, in una copia di “A room of one’s own” .
Lessi le prime pagine e lo abbandonai a se stesso.
L’ho ripreso, e lo stavo scorrendo anche poco prima della tua telefonata di oggi.
E mi ha divertito pensare come in realtà non mi interessi una cameratuttaperme per leggere, scrivere, studiare, pensare o riflettere. Sarà perché vivo sola da tanti anni, sarà perché fisso meglio le idee quando sono fuori.
La camera è lo spazio che creo intorno a me quando sono fuori.
Una sorta di scafandro che mi permette di stare in mezzo a tutti, ma senza che alcuno invada il mio spazio…anche se, per fortuna, qualcosa di bello e qualcosa di brutto filtrano sempre.
Ed è allora che scrivo.
Si: se girando per Roma vedi una al supermercato che si ferma, sfodera penna e taccuino, mettendosi a scrivere e rimanendo in equilibrio tra Sofficini e Bastoncini Findus…sarò io.