Archivi tag: citazione

Fuggiremo…

“Fuggiremo il riposo, fuggiremo il sonno, supereremo in velocità l’alba e la primavera e prepareremo giorni e stagioni a misura dei nostri sogni…”

(Paul Éluard)

Cielostelle

Annunci

La Storia

Forse non farò cose importanti: ma la Storia è fatta di piccoli gesti anonimi.
Forse domani morirò, magari prima di quel tedesco.
Ma tutte le cose che farò prima di morire e la mia morte stessa saranno pezzetti di Storia.
E tutti i pensieri che sto facendo adesso influiscono sulla mia storia di domani, sulla Storia di domani del genere umano…

Italo Calvino, “Il sentiero dei nidi di ragno” .

Il cattivo tenente

“I vampiri sono fortunati, si nutrono degli esseri che trovano.
Noi invece divoriamo noi stessi.
Dobbiamo mangiare le nostre gambe per trovare la forza di camminare.
Dobbiamo arrivare per poter andar via.
Dobbiamo succhiarci fino in fondo.
Dobbiamo divorarci da soli finché non ci resta nient’altro che la fame.
Noi diamo, diamo e diamo come pazzi, non credo che tutto questo abbia senso, non significa niente…
Gesù ha detto settanta volte sette.
Nessuno riuscirà mai a capire perché.
Perché l’hai fatto?
Ti abbiamo già dimenticato la mattina dopo.
Peccato…”

“Il cattivo tenente”, regia di Abel Ferrara (1992)

José Saramago: non un addio, ma ad un buon ritrovarsi

“Il viaggio non finisce mai.
Solo i viaggiatori finiscono.
E anche loro possono prolungarsi in memoria, in ricordo, in narrazione.
Quando il viaggiatore si è seduto sulla sabbia della spiaggia e ha detto: “Non c’è altro da vedere”, sapeva che non era vero.
Bisogna vedere quel che non si è visto, vedere di nuovo quel che si è già visto, vedere in primavera quel che si è visto in estate, vedere di giorno quel che si è visto di notte, con il sole dove la prima volta pioveva, vedere le messi verdi, il frutto maturo, la pietra che ha cambiato posto, l’ombra che non c’era.
Bisogna ritornare sui passi già dati, per ripeterli, e per tracciarvi a fianco nuovi cammini.
Bisogna ricominciare il viaggio.
Sempre.
Il viaggiatore ritorna subito…”

Titolo: Viaggio in Portogallo
Autore: José Saramago
Ed: Einaudi, 530 pagine, 13euro