Le scempiaggini dei lettori sui social network

Il mio amore per la lettura mi ha portato, negli ultimi anni, ad utilizzare la Rete per tenermi aggiornata sulle ultime novità, trovare autori e generi diversi da conoscere, evitare sòle clamorose e per confrontare il mio pensiero con quello di altre gioiose lepisme.
Ho sempre trovato romantico immaginare come persone distanti e diversissime tra loro, in un preciso momento della giornata abbiano gli occhi sulle stesse righe del medesimo romanzo.

Ed invece, quasi sempre i luoghi deputati allo scambio di opinioni diventano zone di frontiera, fra trincee e colpi all’arma bianca.
Segue un piccolo elenco degli atteggiamenti di buona parte della fauna che li abita:

1 – l’odore dei libri: ne parla e ne scrive chiunque, anche a sproposito. Da immagine se vogliamo poetica sono riusciti a trasformarlo in un appiccicosa banalità in grado di farmi volgere gli occhi al Cielo, pietendo soccorso.

2 – i libri veri sono solo quelli cartacei: anche questo è scontro quotidiano. Non discuto sulla piacevolezza del tomo, ma chi demonizza e deride tanto gli e-reader e gli e-book nove volte su dieci non ne ha mai incrociato uno. Si blatera per partito preso. E non han capito che un supporto non esclude l’altro: hanno entrambi vantaggi e svantaggi, e nella vita di un lettore possono serenamente convivere.

3 – se non ti è piaciuto un romanzo che io adoro, meriti di morire male: e quindi l’atmosfera da “volemose bene” si evolve nel peggior incubo visionario di Guillermo del Toro, in cui i fan di questo o quello scrittore si tramutano nel mostro pallido che con un morso stacca la testa alle povere fatine svolazzanti.

4 – sto leggendo questo libro, cosa ne pensate?!?: ma se lo stai leggendo, perché non ne parli tu?

5 – quando sono in treno/sala d’aspetto/in coda tutti quelli col cellulare in mano mi guardano male perché sono l’unica che legge un libro: questa è una delle tante cretinate di cui si autoconvincono i lettori sciapi. Nessuno vi guarda male. Non siete bestie rare. Magari cercano di carpire il titolo del vostro romanzo senza disturbarvi. E questa paturnia racchiude qualcosa di peggiore: oh, come sono colto, fico e controcorrente! Nanni, magari chi si distrae col telefono in tua presenza è un lettore più vorace di te, che si sta solo prendendo una pausa dalle pagine.

6 – vorrei comprare il romanzo XY, ma sono più di ottocento pagine, è un mattone o ce la farò a finirlo?!?: lo leggo sempre più spesso, e mi intristisce pensare che nel 2017 si giudichi un libro dalla sua mole.

7 – i libri non si sottolineano: se è mio sono libera di farci quel che mi pare. Io detesto gli evidenziatori, anche per lo studio. Ma i miei libri sono sottolineati con matite colorate, od una classica BIC rossa. Negli spazi liberi annoto quel che voglio ritrovare nel tempo. A volte scappa anche un’orecchia…

8 – quelle che per acchiappare qualche “like” in più, fotografano le loro cosce nude con la copertina del libro appoggiata sopra: mettelo sul lettino, od immortalatelo con le onde sullo sfondo, non svendetevi come bieca macelleria.

9 – ed infine… quella stramaledetta immagine che recita “ci sono donne come me, che preferiscono riempire la libreria e non la scarpiera!”: non solo una sciocchezza, ma qualcosa di irritante. Come un cliché stucchevole che vuole le donne curate come superficiali e limitate: delle oche giulive senza neuroni. Vi avviso che si può leggere anche in tacchi alti e ben vestite…

Torno fra i miei volumi.
L’angolo della lettrice brontolona si chiude qui.
Per ora…

Annunci

6 risposte a “Le scempiaggini dei lettori sui social network

  1. Io ho finito per “odiare” chi si professa lettore sui social e non solo: ci sono alcuni che si credono speciali solo perché leggono libri o magari si sentono migliori di altri per questo motivo; per non parlare delle faide tra fan di generi differenti e quelli che snobbano tutto e tutti e demonizzano le biblioteche comunali. Poi finiscono tutti a recensire gli stessi libri e pubblicare stesse cose per cui ho capito che forse non mi piace poi così tanto appartenere al mondo dei lettori sul web. Roteo spesso anche io gli occhi al cielo, condivido ogni punto del tuo post. È diventato tutto un clichè ormai.
    La lettura è un’attività molto personale, non mi sembra ci sia bisogno di farsene un vanto o di sentirsi diversi da chi legge meno o per nulla.

    • Parole sante 💜 .
      Il problema è che tanti di quelli che si professano esperti sono normali lettori che si fanno inviare gratuitamente i volumi dalle case editrici per recensire subito le nuove uscite.
      Io voglio la libertà di comprarmi un libro oggi e magari leggerlo fra mesi, quando sarà il momento giusto per me.
      Chi si “vende” per la copia gratuita di un romanzo vale quel che vale…

  2. diariodiunalettrice

    Adoro e sottoscrivo ogni singola parola, in particolare chi mi critica per quel che faccio con i MIEI libri. Io ci sottolineo le frasi che mi colpiscono, faccio le pieghe per ritrovare quelle frasi e annoto cose. E ancora nessuno è riuscito a spiegarmi perché, fare quel che faccio con i MIEI libri è sbagliato.

    • Oh si, quoto parola per parola: ed anche la punteggiatura.
      La libertà è tanto bella, anche nel modo in cui si vogliano trattare i propri tomi.
      A me quelli che li leggono aprendoli solo il parte per non rovinare la copertina e la costa fanno sempre venire in mente quei serial killer da film, con i cassetti e tutta la casa in ordine perfetto e maniacale.
      Sorrido, e scuoto la capoccia.

      • diariodiunalettrice

        Concordo…che poi mi domando come facciano a leggere aprendo solo una parte del libro! Capiranno la metà delle cose xD

      • Esattamente XD .
        La lettura deve essere un piacere.
        Leggere con la paura di rovinare il libro è una camminata sulle uova…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...